Bersaglio e Meccanismo d’azione: Si tratta di anticorpo monoclonale umanizzato che si lega al VEGF, impedendo a quest’ultimo di legarsi ai suoi recettori (VEGFR-1 e VEGFR-2), sulla superficie delle cellule endoteliali. Il blocco dell’attività biologica del VEGF interferisce con la formazione dei nuovi vasi sanguigni del tumore impedendo conseguentemente la crescita tumorale.

Indicazioni: il farmaco è stato approvato in combinazione con 5-fluorouracile ed acido folinico +/- irinotecan per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma del colon-retto metastatico. Attualmente si stanno studiando altre applicazioni del farmaco, ad esempio in associazione con chemioterapia con oxaliplatino e 5-fluorouracile o capecitabina o in fase adiuvante, cioè dopo un intervento chirurgico di asportazione radicale del tumore del colon.

Modalità di somministrazione: si somministra per via endovenosa.

Effetti collaterali più frequenti: astenia, diarrea, nausea, dolori non altrimenti specificati. Eventi avversi meno frequenti sono ipertensione e proteinuria. In casi rari il farmaco può provocare emorragie o tromboembolie.

Nome commerciale: Avastin (case farmaceutiche Genentech e Roche). Il farmaco ha ottenuto l’approvazione della FDA ed è entrato in commercio negli USA nel febbraio 2004. Recentemente, nel gennaio 2005, è stato approvato dalla Commissione Europea e dall’ottobre 2005 è in commercio anche in Italia.

 

X