Iscriviti alla Newsletter

English Version

Il libro del nosrtro Prof. Bonucci

Siti Consigliati

Ritrovaci su Facebook

Guardaci su YouTube

Seguici su Twitter

Seguici su Google+

Prenota il libro

Comunicati Stampa

In libreria il libro del nostro Prof. Bonucci

Esce in libreria il saggio «Quello che mangi fa la differenza»

La cura del tumore nella testimonianza dellOncologo Massimo Bonucci

Alimentazione-contro-tumori-consigli2Roma (29 marzo 2018) – Dopo il successo del Convegno Internazionale di Oncologia Integrata, che si è svolto a Firenze tra il 23 e il 25 marzo, e che ha visto la partecipazione di più di 800 intervenuti, esce ora in libreria, pubblicato da Newton Compton Editori, un saggio indispensabile che spiega in modo facile con quali nuovi strumenti curare e affrontare la malattia. Lo ha scritto Massimo Bonucci, specialista in Oncologia Medica e presidente di ARTOI, l’Associazione di Ricerca per la Terapia Oncologica Integrata, e si intitola «Quello che mangi fa la differenza. I cibi consigliati e quelli da evitare per prevenire e curare il male»

(256 pagine, 10,00 euro, e-book: 5,99).

«La nostra vita biologica è il risultato di una continua interazione tra le diverse parti dell’organismo che si relazionano e si scambiano informazioni, sia in condizioni di salute che di malattia». Pensare di prevenire la malattia o curarla come fossimo divisi in compartimenti è un errore da evitare, la salute è il frutto di equilibrio tra diversi fattori, e l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale in questa partita.», scrive Massimo Bonucci nel libro.

Per esempio, non è corretto affermare che un paziente oncologico possa mangiare di tutto o assumere di tutto: nella fattispecie non deve adottare una dieta iperproteica e tenersi lontano da alimenti come i carboidrati raffinati, carne, pesce di grossa taglia e latticini. Di cose da sapere ce ne sono molte nel libro «Quello che mangi fa la differenza». Ad esempio si apprende che l’aloe vera, la curcumina e il tè verde rappresentano un valido aiuto in associazione ad alcuni farmaci chemioterapici mentre sono sconsigliati l’iperico e il ginkgo biloba, il pepe o la soia.


La terapia oncologica integrata, nuova frontiera nel trattamento dei tumor
i, non esclude nessun tipo di intervento, e questo il libro lo spiega molto bene: ritiene utile la terapia farmacologica e la chirurgia, ma le integra con agopuntura, fitoterapia, omeopatia e alimentazione. Tutto per ridurre gli effetti collaterali delle terapie e potenziare l’efficacia dei farmaci, migliorare la qualità della vita del paziente e aumentare le possibilità di guarigione.

E’ POSSIBILE ACQUISTARLO ONLINE PRESSO I CONSUETI BOOK STORE

download

 

 

IL CIBO UN ALLEATO: SIAMO CIO’ CHE MANGIAMO. Miglioriamo la qualità di vita del paziente oncologico

“E’ arrivato il momento di fare tutti una seria riflessione su alcune delle cause della proliferazione cellulare dei carcinomi”. Così Massimo Bonucci, oncologo e Presidente dell’Associazione Ricerca terapie Oncologiche Integrate commenta il ritorno sulla stampa della pericolosità dei cibi ad alto indice glicemico, scoperta che fu fatta già in passato dal tedesco Otto Warburg, Nobel per la medicina, e che oggi torna di estrema attualità grazie alla dimostrazione di alcuni studi scientifici che questi cibi ad alto indice glicemico siano il nutrimento migliore per il cancro. Continua a leggere

Associazione Ricerca Terapie Oncologiche Integrate al World Congress of Integrative Medicine & Health 2017

Rifugiati con malattie croniche tra il Medio Oriente e l’Europa: il ruolo della medicina tradizionale e integrativa per colmare le lacune

800 professionisti provenienti da 59 Paesi si sono incontrati a Berlino per il World Congress of Integrative Medicine & Health, 2017 Continua a leggere

Ematologia Integrata: una nuova arma per la cura dei tumori del sangue?

L’insieme delle discipline mediche complementari, oltre all’apporto che offre in ambito oncologico, può essere di supporto anche per la lotta alle leucemie, ai linfomi, al mieloma e alle altre malattie tumorali del sangue. Una nuova strada che ARTOI si appresta a studiare e percorrere per migliorare la qualità della vita dei pazienti ematologici.

Continua a leggere