Radiochirurgia

La radiochirurgia

La radiochirurgia è una tecnica utilizzata in oncologia con lo scopo di offrire ai pazienti un più ampio spettro di intervento per la cura della malattia, in affiancamento alle già consolidate pratiche chirurgiche, farmacologiche e radioterapiche.

Con questa tecnologia si può inviare una dose elevata di radiazioni ionizzanti, provenienti da una sorgente esterna, su un bersaglio (tumore solido) all’interno del corpo di cui sia nota la posizione, la forma e la dimensione. A differenza della radioterapia tradizionale che è molto meno precisa e utilizza radiazioni a dosi più basse, la dose di radiazioni emessa con la radiochirurgia è tale da distruggere il tessuto malato con una precisione da chirurgia (da quì il nome radio-chirurgia) quindi senza andare a danneggiare i tessuti vicini come nel caso della radioterapia.

Con la radiochirurgia si possono distruggere lesioni tumorali solide oppure trattare disordini funzionali come l’ epilessia, il morbo di Parkinson, il dolore cronico farmacorefrattario ( ad esempio la nevralgia del trigemino) e molti altri disturbi.

La radiochirurgia più utilizzata è la stereotassica che consente di erogare in poche sedute, da 1 a 5, di 1 ora ciascuna, le radiazioni su un bersaglio di piccole dimensioni, limitando in questo modo i danni sui tessuti sani circostanti. Con la radioterapia tradizionali sono necessarie diverse sedute (anche 30).

La radiochirurgia viene eseguita mediante due strumenti acceleratori di radiazioni chiamati Gammaknife e il Cyberknife che rappresentano una valida alternativa alla chirurgia soprattutto in due circostanze:

    • nei pazienti con tumore localizzato ma non operabile per l’infiltrazione della malattia agli organi adiacenti
    • nei pazienti con recidiva di malattia in sedi precedentemente irradiate con radioterapia tradizionale.

Il sistema è del tutto non invasivo e può essere effettuato in day-hospital o su base puramente ambulatoriale. Questo aspetto è assolutamente da non sottovalutare: la radiochirurgia, e soprattutto il cyberknife, elimina i lunghi tempi di ospedalizzazione tipici della chirurgia.

Il cyberknife presenta dei vantaggi rispetto il gammaknife?

    • il gamma knife può trattare solo la zona del cranio mentre il cyberknife, data la sua mobilità (6 gradi di libertà e circa 1200 posizioni diverse), può trattare qualsiasi altro distretto corporeo. Il trend dei pazienti trattatati con cybernkife in distretti extracranici sta aumentando notevolmente *. E’ un limite pensare oggi alla radiochirurgia come ad una tecnica adatta solo all’ambito cerebrale o applicabile solo a questo, soprattutto dopo aver considerato che i tumori più frequenti, nelle donne e negli uomini, sono quelli extracranici **.
    • il gamma knife, per l’immobilizzazione del paziente, utilizza degli elmetti che vengono fissati al cranio del paziente (in anestesia locale). Il cyber knife, invece, utilizza delle maschere termoplastiche che vengono adattate sulla superficie cutanea della zona da trattare.
    • con il gamma knife, inoltre, a differenza del cyberknife, il trattamento non può essere frazionato proprio a causa dell’utilizzo degli elmetti fissi.
    • il cyberKnife è l’unico sistema al mondo che permette trattamenti con un’accuratezza di 1.5 mm su lesioni che si muovono con il respiro.
    • con il gamma knife viene utilizzata come sorgente di radiazioni una sostanza radioattiva (cobalto radioattivo), non utilizzata con il cyberknife.

Il limite principale delle due metodiche è rappresentato dalle dimensioni del tumore: lesioni maggiori di 2,5 – 3 cm non possono essere trattate con radiochirurgia.

Il cyberknife, per tutti questi motivi, rappresenta un’assoluta innovazione nel campo della radiochirurgia, differenziandosi da qualsiasi altra apparecchiatura presente oggi sul mercato.

* trend dei pazienti trattati con radiochirurgia mediante Sistema cyberknife per i diversi distretti corporei

cyberknife-lung

polmoni

Cervello

cervello

cyberknife-prostata

prostata

cyberknife-pancreas

pancreas

 

 

cyberknife-liver

fegato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

** immagine i numero del cancro in Italia 2018

 

 

 

 

294 Commenti

  1. albian

    Buongiorno. Nel caso di un paziente trattato con Gamma Knife perfexion a metastasi cerebrale di 1.8mm, nel caso di eventuale progressione successiva o comparsa di nuove metastasi, quanto tempo minimo deve trascorrere per poter essere trattato con CyberKnife rispetto al precedente trattamento radiochirurgico stereotassico? Grazie.

    Rispondi
    • Staff

      Devono passare almeno 2-3 mesi

      Rispondi
  2. Katy

    Salve per carcinoma polmonare a piccole cellule con metastasi encefalo e rene sx non andrebbe bene?

    Rispondi
    • Staff

      Potrebbe andare bene

      Rispondi
  3. Simona Pancani

    Salve ,
    ho un mengioma che comprime il nervo ottico nella regione del forame ottico di 1,2×6 mm tumefazione oblunga in senso longitudinale.
    Può essere trattata con cyber knife secondo voi ?
    quali sono gli effetti collaterali rischio di perdere la vista ?
    grazie

    Rispondi
    • Staff

      Si potrebbe essere efficace. Deve contattare però una struttura che si occupa di radiochirurgia in modo che possano valutare il caso clinico nel dettaglio e tutti gli eventuali rischi.

      Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X