Effetti antitumorali e immunitari

I preparati a base di Vischio (Viscum album), una pianta semiparassita che vive su numerose specie di alberi (inclusi querce, pioppi, abeti, meli). sono stati usati nella pratica clinica in Europa per il trattamento dei tumori già dal 1926. Nella comune fitoterapia del vischio si usano prevalentemente i rami giovani e le foglie (freschi o disseccati). Un prodotto fermentato (Iscador), fatto con il succo fresco del Vischio, venne introdotto come agente fitoterapeutico antitumorale. In seguito numerosi studi sono stati eseguiti su questa preparazione, così come su altri preparati e componenti del Vischio ed attualmente sono prontamente disponibili e commercializzati come farmaci anti-cancro, Iscador, Eurixor, Helixor, Isorel , Vysorel, e ABNOBviscum. Nel Vischio sono presenti almeno 3 composti che possono essere ritenuti responsabili della azione antitumorale dimostrata in VITRO: alcaloidi, viscotossine (piccole proteine con attività Natural Killer) e lectine, composti che contengono sia proteine che zuccheri e che sono in grado di legarsi alla superficie delle cellule determinando cambiamenti biochimici complessi fino al blocco della sintesi proteica.

L’Iscador e le altre preparazioni a base di Vischio fermentato differiscono dagli estratti nonfermentati e sembra che siano meno tossici e più efficaci: infatti, la maggiore viscotossina e la viscolectina I (ML I) non sono riscontrabili nella forma fermentata.

La fermentazione produce un rapido decremento della concentrazione di lectina; si pensa che ML I si degradi, durante la fermentazione, nelle sue catene A e B. Queste catene sono meno tossiche della visco-lectina I, ma hanno importanti proprietà immunologiche. L’attività farmacologica dell’Iscador è dovuta ai composti presenti nel Vischio piuttosto che ad altri costituenti. Ad esempio, l’Iscador contiene lattobacilli (microrganismi che partecipano al processo di fermentazione), che possiedono attività immunostimolante, ma è stato chiaramente dimostrato che sono i componenti del Vischio, e non i lattobacilli, ad essere largamente responsabili dell’attività dell’Iscador, dato che il succo non fermentato della pianta ha dimostrato attività comparabile a quella dell’Iscador.

Il farmaco viene somministrato per iniezione intramuscolare o sottocutanea, a volte nelle vicinanze del tumore stesso, sembra più efficace quando viene somministrato localmente, vicino ad un tumore, anche se la somministrazione sistemica endovenosa ha dato ugualmente risultati positivi. Gli effetti della somministrazione orale dell’Iscador, così come di altre preparazioni o di altri componenti del Vischio, non sono stati ancora riportati. Nella somministrazione locale, provoca un processo infiammatorio che promuove l’infiltrazione di globuli bianchi e la “incapsulazione” del tumore.

I fattori immunitari non-specifici stimolati dal Viscum album includono: aumentata attività citotossica e fagocitica dei macrofagi, neutrofili, stimolo ed aumento di numero e attività dei linfociti natural killer, che sono quei globuli bianchi (circa il 20-25% di tutti quelli che circolano nel sangue) che svolgono un’attività di distruzione specifica di cellule infettate da virus o di cellule tumorali ed aumento della citotossicità cellulo-mediata anticorpo-dipendente (soprattutto le lectine). Inoltre aumentano i livelli di Tumor Necrosis Factor e le interleukine. Ha effetti tossici diretti sulla cellula tumorale e inoltre ha una azione di stabilizzazione e mutazione del DNA in tessuti e cellule (soprattutto leucociti) sottoposti a chemioterapica. Interessanti ricerche e sperimentazioni cliniche hanno dimostrano che gli estratti della pianta sembrano avere un effetto di inibizione sulla crescita tumorale, e aumentare il plasma B-livelli di endorfine che interessano direttamente il dolore ed i livelli di umore nei pazienti sottoposti a chemio e radioterapia

L’Iscador stimola il timo, come dimostrato in diversi studi, e la sua attività stimolante la corteccia timica e la rigenerazione delle cellule ematopoietiche, in seguito all’irradiazione con raggi X, è molto maggiore di qualsiasi altro prodotto finora riportato. Inoltre, i linfociti timici si sono dimostrati 29 volte più sensibili alla Concanavalina A, dopo somministrazione di Iscador. E’ interessante notare che le ledine purificate di Vischio, in generale, non sono così attive negli studi sperimentali quanto le preparazioni grezze: presumibilmente, un certo numero di composti del Vischio agisce in modo sinergico.

Si è anche ipotizzato che gli alcaloidi del Vischio siano responsabili del mantenimento della struttura e dell’attività delle lectine. Durante le procedure di isolamento e purificazione, i legami degli alcaloidi con le lectine vengono spezzati, dando luogo ad una perdita di specificità per le molecole-bersaglio. Le preparazioni non fermentate di Vischio sono tossiche verso le cellulle tumorali, a causa della loro maggiore concentrazione in viscotossina ML I.

Applicazioni cliniche

1 primi studi clinici sulle preparazioni a base di Vischio (cioè Iscador) non sono stati molto ben documentati. A causa della mancanza di prove cliniche controllate scientificamente accettabili, l’uso di Iscador nel trattamento del cancro è rimasto controverso in Europa, anche se sono stati dimostrati, in studi controllati, effetti positivi con questo prodotto nel trattamento post-operatorio dei tumori del polmone, del seno, del colon e della cervice. Oggi i preparati a base di Vischio sembrano utili come complemento alle terapie normalmente utilizzate.

Recentemente, sono iniziati diversi studi clinici che potrebbero fornire maggiori informazioni circa l’efficacia del Vischio. Inoltre, stanno emergendo preparati di nuova generazione, standardizzati in lectina I (ad esempio, Eurixor). Questa standardizzazione offre vantaggi significativi: la lectina I è un potente induttore di citochine, quali interleuchina 1, interleuchina 6 e fattori necrotici tumorali (ognuna delle quali stimola il sistema immunitario).

In uno studio, sono stati verificati gli effetti dell’Eurixor in 40 pazienti con carcinoma del seno in stato avanzato. 21 pazienti hanno ricevuto, insieme alla chemioterapia standard (Vincristina Epirubicina Ciclofosfamide-VEC), il prodotto a base di Vischio, mentre a 19 pazienti veniva somministrato un placebo. Dopo il quarto ciclo di chemioterapia, il gruppo trattato con Vischio mostrava livelli maggiori, statisticamente significativi, di leucociti (p<0,001), in confronto al gruppo placebo: la conta media dei globuli bianchi era di 3.000/ml3 contro 1.000/ml3 del gruppo placebo. In questo lavoro erano anche studiati per i meccanismi di riparazione del DNA nelle cellule bianche del sangue. At days seven and nine, there was a 2.7%-fold average increase in DNA repair, with 12 out of 14 of these patients showing improvement. A giorni sette e nove, c’è stato un 2,7% volte aumento medio nella riparazione del DNA, con 19 su 21 di questi pazienti che mostrano un miglioramento ( con una ridotta capacità di riparazione del DNA nei globuli bianchi diminuisce la capacità di riconoscere e rimuovere neoplasie). Inoltre, le risposte dei pazienti concernenti la qualità di vita e l’ansia rivelavano valori significativamente migliori nel gruppo trattato rispetto al gruppo placebo. Uno studio effettuato su pazienti con carcinoma pancreatico avanzato hanno mostrato che, sebbene vischio non è diminuito progressione della malattia, ha fatto migliorare la qualità della vita.

Patients were given subcutaneous injections of the EurixorTM preparation twice weekly, but no other treatments.I pazienti hanno ricevuto iniezioni sottocutanee di preparazione EurixorTM due volte alla settimana, ma non altri trattamenti. Questionnaires filled in by the patients indicated that quality of life was stable, which is surprising in patients undergoing cancer therapies, especially where pancreatic cancer is concerned as it has such a poor prognosis. Questionari compilati da parte dei pazienti ha indicato che la qualità della vita è rimasto stabile, il che è sorprendente in pazienti sottoposti a terapie del cancro, in particolare quando il cancro del pancreas è interessato in quanto ha una prognosi infausta.

Another trial on patients with advanced brain tumor showed that EurixorTM enhanced immune function and improved quality of life during radiation therapy. Un altro studio su pazienti con tumore al cervello avanzata hanno dimostrato che EurixorTM un miglioramento della funzione immunitaria e miglioramento della qualità della vita durante la radioterapia.

Questi risultati hanno dimostrato che il trattamento con estratto di Vischio (Eurixor) è un valido ausilio nella chemioterapia standard in pazienti con tumore al seno in fase avanzata. Questi risultati sono molto interessanti, dato che il tumore al seno come quello pancreatico in stato avanzato ha una pessima prognosi. L’Iscador raramente porta a spettacolari remissioni nei carcinomi bronchiali, ma può spesso portare ad una stabilizzazione a lungo termine del tumore maligno e ad un buono stato di salute generale (con pazienti che continuano a poter andare al lavoro)».

Nel caso di stadi avanzati di carcinoma del retto, nessuno del gruppo di controllo era sopravvissuto a 5 anni, mentre il 37% del gruppo trattato con Iscador aveva una sopravvivenza a 5 anni. Insieme alla normalizzazione dei macrofagi si verifica un notevole miglioramento della qualità della vita dei pazienti con cancro.

Naturalmente, sono necessari studi aggiuntivi sulla farmacologia di Viscum album e specificamente per determinare se gli effetti riscontrati negli animali e nei pazienti che hanno ricevuto preparati iniettabili a base di Vischio, possano essere ottenuti anche con la somministrazione orale. Risultati di alcuni studi hanno suggerito che il vischio può essere utile per diminuire l’effetto indesiderato della terapia antitumorale standard, come la chemioterapia e la radioterapia, e che neutralizza gli effetti dei farmaci utilizzati per sopprimere il sistema immunitario, come il cortisone.

Il giorno in cui la qualità della vita del paziente con cancro sarà un criterio per la scelta della terapia, l’Iscador potrebbe conquistare uno dei primi posti.

Inoltre, sono necessarie maggiori informazioni sui preparati ottimali a base di Vischio. Quale pianta-ospite deve essere selezionata per quale condizione? Qual è il tempo balsamico ottimale? In quale forma dovrebbe essere somministrato il Vischio? Come pianta fresca? Come estratto acquoso o alcolico? Fermentato o non fermentato? Il Vischio è indubbiamente una delle erbe medicinali più complesse; tuttavia, dopo aver esaminato i dati attualmente disponibili, si può dire con molta fiducia che il futuro uso fitoterapeutico di Viscum album è molto promettente.

Tossicità

Il Viscum album possiede una significativa tossicità. Storicamente, le bacche sono state considerate decisamente più tossiche delle foglie e degli steli, nonostante che entrambe contengano composti tossici similari. La ragione per cui le bacche sono considerate più tossiche, probabilmente dipende dal fatto che si sono verificati avvelenamenti fatali in bambini, dopo l’ingestione delle stesse.

X