Lactoferrina: una risposta al Covid?

Il Covid va combattuto con tutte le armi possibili, perché sarà un virus sempre presente nella popolazione. La sua presenza però non ci deve far perdere la consapevolezza che è “solo un virus” come molti altri, con una bassa incidenza di patogenicità.

Ciò però non deve far pensare che non dia problematiche. Anzi, quando esprime la sua aggressività (nei soggetti con pluripatologie), determina molti complessi sintomi che se non controllati possono portare a gravità estreme. Ma questo solo in una minima percentuale. Non sappiamo quale sia questa percentuale ed è per questo che saper usare più strategie per combatterlo è molto importante. Fra le varie sostanze naturali abbiamo conosciuto la Polidatina, l’idrossiclorochina ed ora probabilmente anche la lactoferrina.

La lactoferrina è una molecola naturale che attraverso il latte materno arriva al nascituro. La sua principale funzione è di colonizzare le mucose nel bambino così da renderlo più protetto. La Lactoferrina è la principale difesa per le infezioni batteriche e virali nei bambini perché è in grado di stimolare in questi una risposta innata. Questo dato è conosciuto da molto tempo ed è uno dei motivi per cui si cerca di far allattare al seno per più tempo possibile. I maggiori studiosi di questa molecola sono da sempre i colleghi giapponesi, perché hanno notato che questa molecola difende e protegge la mucosa dell’intestino dagli insulti infiammatori e da modificazioni di carattere displastico-neoplastico.

Fra le azioni principali però abbiamo anche quella antibatterica, ed in particolare contro l’Helicobacter Pylori. Questo batterio flagellato è causa di infezioni gastriche molto aggressive che possono portare a gastriti erosive, ulcere gastriche finanche a neoplasia gastrica. Non ultima la azione antivirale con protezione del fegato per le epatiti e delle vie respiratorie per le mucositi da virus respiratori.

E’ chiaro quindi che lo studio che hanno svolto i colleghi di Tor Vergata e della Sapienza, che hanno evidenziato come la lactoferrina possa essere una possibile risposta al Covid, rientra nel novero della grande plasticità di questa molecola naturale che oltre ad essere una proteina con caratteristiche nutritive, ha anche la capacità di promuovere molteplici azioni difensive nel bambino indifeso.

La Lactoferrina

La lactoferrina è presente in varie secrezioni mucose, come lacrime e saliva. E’ un antiossidante potente che ha anche delle proprietà immunostimolanti, antivirali e antimicrobiche rimarchevoli e incomparabili. Nelle persone sane, la lactoferrina è concentrata a livello degli orifici corporei (bocca, naso, occhi) che protegge dalle infezioni.

Più abbondante nel colostro rispetto al latte di transizione e di mantenimento, la lactoferrina è inoltre tipica dei granulociti neutrofili, cellule immunitarie con funzioni di difesa da infezioni batteriche e fungine.

Le proprietà antimicrobiche della lactoferrina sono principalmente dovute alla capacità di legare il ferro, mezzo essenziale per riprodursi e crescere: in presenza di lactoferrina, il ferro viene sottratto al metabolismo di quelle specie batteriche- come l’Escherichia coli – che dipendono da esso per la propria moltiplicazione e adesione alla mucosa intestinale (effetto batteriostatico) ha inoltre un’azione antibatterica diretta (battericida), grazie alla capacità di ledere gli strati più esterni della membrana cellulare (LPS) di alcune specie batteriche GRAM negative.

L’effetto antivirale della lactoferrina è in relazione alla sua capacità di legarsi ai glicosamminoglicani della membrana plasmatica, prevenendo l’ingresso del virus, bloccando la replicazione e l’infezione sul nascere; tale meccanismo è apparso efficace contro l’Herpes Simplex, i citomegalovirus, e l’HIV. Importante attività è che sezioni speciali di molecole lactoferrina sono essi stessi direttamente tossici per i batteri, lieviti e muffe.

Legandosi al ferro privandolo anche del mezzo essenziale per riprodursi e crescere: in presenza di lactoferina, i batteri patogeni sono fortemente inibiti anzi eliminati.

Ha delle proprietà antibatteriche dirette (su Escherichia coli, la salmonella, lo stafilococco aureo), antifungine (su Candida albicans) e anche antivirali, perché stimola naturalmente la crescita dei bifidobatteri, delle cellule morte naturalmente (natural killer cells) e l’attività dei neutrofili. Questa tripla azione della lattoferina fa di questo composto rimarchevole una parte essenziale di tutto il programma di sostegno immunitario.

  • Stimola la crescita della « buona » flora intestinale;
  • ha una attività antiossidante diretta;
  • partecipa al controllo dei danni cellulari associati all’invecchiamento.

Si trova soprattutto nei prodotti delle ghiandole esocrine situate nei sistemi digerente, respiratorio e riproduttivo, suggerendo un ruolo nel settore non-specifico di difesa contro agenti patogeni invasori. Inoltre, diversi ruoli fisiologici sono stati attribuiti a LF, vale a dire regolazione dell’omeostasi del ferro, della difesa dell’ospite contro infezioni e infiammazioni, regolazione della crescita cellulare e la differenziazione e la protezione contro lo sviluppo del cancro e delle metastasi.

Questi risultati hanno suggerito la LF come grande potenziale uso terapeutico nella prevenzione delle malattie di cancro e / o trattamento, vale a dire come agente chemiopreventivo.  Questa analisi riguarda i recenti progressi nella comprensione dei meccanismi alla base del ruolo multifunzionale della LF e le prospettive future sulle sue potenziali applicazioni terapeutiche.

Citochine, risposte coordinate

La lactoferrina è una sostanza appartenente ad una famiglia di sostanze chiamate citochine.

Le citochine sono responsabili del coordinamento della risposta immunitaria cellulare umana che ci protegge dalla maggior parte delle infezioni ed anche dai tumori. La lactoferrina coordina la risposta immunitaria cellulare umana coinvolta in diverse funzioni immunoregolatrici, associate a risposte contro agenti infettivi e infiammatori quale la sintesi in vitro degli anticorpi, la produzione di citochine, i fenomeni di citotossicità degli NK, l’attivazione del complemento e la proliferazione dei linfociti.

Una riduzione di produzione di citochine può portare ad un deficit di sistema immunitario e un eccesso di citochine è in grado di creare un eccesso di risposta immunitaria attiva. La lactoferrina opera una regolazione della risposta immunitaria cellulare a vari livelli. Negli individui sani la lactoferrina è un front-line sistema difensivo che protegge le nostre aperture del corpo, come gli occhi, bocca, naso e di altri orifizi da invasione infettive.

Un secondo aspetto della lactoferrina è la sua capacità unica di legarsi al ferro, un minerale essenziale utilizzato da una vasta gamma di agenti patogeni e tumori per la riproduzione e la crescita.

La lactoferrina può legarsi con il ferro e renderlo indisponibile per i batteri o per le cellule cancerose, provocando una situazione di malnutrizione e la fame in modo efficace sia per i batteri che in nei tumori.

Up-regolazione immunitaria funzione

Più di recente un articolo ha mostrato un caso in cui la lactoferrina è stata utilizzata nel trattamento del mesotelioma, un tipo di cancro al polmone associato con l’amianto. L’articolo riportava che il paziente aveva assunto semplicemente lactoferrina, vitamina C ed altri integratori riportando non solo benefici ma sensibile miglioramento della patologia, soprattutto quando era aggiunto lattoferrina al programma.

Il risultato finale è stato un recupero abbastanza completo da un tipo di cancro che è estremamente virulenta. In linea di massima la lactoferrina è una componente molto ragionevole e importante della immunoterapia.

Individui malati di cancro sono quasi uniformemente immunodepressi e, purtroppo, la terapia convenzionale del cancro non tende a prestare molta attenzione al miglioramento della funzione immunitaria. In realtà, le terapie del cancro più tradizionali danno immunosoppressione a loro volta.

L’importanza della lactoferrina e altre sostanze come up-regolazione della risposta immunitaria in questa malattia molto pericolosa non è comunemente valutata.

Una delle cose che dovrebbe essere fatta è quella di combinare la terapia convenzionale con immunomodulatori e supplementi nutrizionali. Organizzando un programma completo attorno a ciascun individuo con specifiche esigenze, su misura per la loro malattia e il tipo di terapia convenzionale, abbiamo ottenuto risultati che sono stati valutati molto incoraggianti.

Lactoferrina e prevenzione

Nel campo della prevenzione la lactoferrina sta riscuotendo notevoli successi. Un esempio è stato lo studio effettuato in Giappone dalla Divisione di Patologia Sperimentale del National Cancer Center Research Institute di Tokio

In questi studi sperimentali, la lactoferrina bovina (BLF), è stata trovata capace di inibire significativamente i tumori del colon, dell’esofago, del polmone, della vescica e la cancerogenesi nei ratti, quando somministrata per via orale. Inoltre, la somministrazione concomitante con agenti cancerogeni ha provocato una inibizione della carcinogenesi del colon, forse dalla soppressione della fase I enzimi, come il citocromo P450 1A2 (CYP1A2), che è preferenzialmente indotta da sostanze cancerogene amine eterocicliche.

Ha la capacità di potenziamento delle attività dei loro omologhi di fase II, come il glutatione S-transferasi, e potrebbe avere svolto un ruolo critico nella fase di post-soppressione in uno studio di carcinogenesi della lingua.

Effetti anti-metastatici sono stati inoltre rilevati quando BLF è stata data oralmente ai topi recanti carcinoma del colon altamente metastatico, con evidente influenza miglioramento in materia di immunità locale e sistemica.

E’ stato trovato notevole aumento del numero di T citotossici e delle cellule NK a livello della mucosa del piccolo intestino e le cellule del sangue periferico, questo a sua volta, ha fatto aumentare la produzione di interleuchina 18 (IL-18) e caspasi-1 nelle cellule epiteliali della l’intestino tenue, con possibile conseguente induzione di interferone (IFN)-gamma cellule positive. Inoltre, BLF si è mostrata capace di esercitare azione anti-virus dell’epatite C (HCV) in uno studio preliminare di clinica in pazienti con epatite cronica attiva, dato che questo virus, è il principale fattore causale nello sviluppo del carcinoma epatocellulare nei giapponesi.

Più ampi studi clinici sono attualmente in corso nella National Cancer Center Hospital e di altri istituti di esplorare ulteriormente il potenziale di prevenzione contro la carcinogenesi del colon.

In questo studio viene mostrato l’efficacia della lactoferrina umana ricombinante (rhLF) orale in modelli di tumori multipli sia in mono e terapia di combinazione.  In primo luogo è stato dimostrato che dosi farmacologiche di rhLF orale aumentano la IL-18 nell’intestino (775%, P <0,0001) e nel siero (132%, P = 0.0007). La IL-18, una citochina immunostimolante Th1 è nota per migliorare la citotossicità cellulo-mediata immunitario e inibire l’angiogenesi. RhLF orale (1000 mg / kg bid x 8 giorni) ha inibito la crescita tumorale 80%, superiore alla inibizione intratumorale segnalata in precedenza.

Sia come monoterapia che in combinazione con cisplatino (5 mg / kg), una terapia standard per il tumore del polmone, RhLF ha dato un miglioramento dose-dipendente dell’attività cisplatino (400 mg / kg) inibendo la crescita tumorale del 90% rispetto al placebo e 83% rispetto al solo cisplatino (P <0,05).

Diversi regimi di associazione diverse sono stati sottoposti a test per valutare i programmi di trattamento alternativo per la sperimentazione clinica. (table) RhLF mostra la promessa come un sicuro e ben tollerato antagonista del cancro. Orale rhLF è attualmente in studi clinici con la chemioterapia in tumori solidi resistenti alla singola terapia. Gli studi clinici di rhLF in combinazione con la chemioterapia nel NSCLC e pazienti affetti da cancro del colon sono in fase avanzata di studio.

Questa analisi riguarda i recenti progressi nella comprensione dei meccanismi alla base del ruolo multifunzionale della LF e le prospettive future sulle sue potenziali applicazioni terapeutiche.

La lactoferrina, una proteina multifunzionale che rappresenta la nuova frontiera nella stimolazione del sistema immunitario contro cancro, infezioni, asma e allergie.

 

X